LinkedIn, per chi non lo sapesse, è un social network a scopo puramente professionale. Al suo interno è possibile inserire il proprio curriculum, i propri lavori, compreso il portfolio, e instaurare collegamenti con figure professionali di interesse per lo sviluppo della tua carriera (come buyer, responsabili risorse umane,potenziali clienti, etc). Su LinkedIn puoi anche scegliere di seguire personalità di spicco del campo in cui lavori o che ti interessa e conoscere la loro opinione su diversi argomenti. LinkedIn resta una vetrina puramente professionale, e va quindi utilizzato per vendersi, e mettere in mostra la parte migliore di sè.

Un profilo LinkedIn può essere brutto, quando è miseramente scritto, disordinato, e povero di contenuti. Può essere buono quando è minimal, completo, e nei canoni. Ma può essere una bomba, quando tutto, a partire dalla descrizione iniziale, è originale, diverso, brillante e professionale. Se anche tu vuoi un profilo che spacca, leggi i miei 10 consigli di seguito.

1. mettiti in mostra

La prima cosa da inserire nel tuo profilo LinkedIn è una foto. Ma non pensare di scegliere tra quelle della tua ultima vacanza in Sardegna, o quelle in cui stai giocando con il tuo cane (a meno che tu non stia cercando un posto come educatrice cinofila) e lascia stare anche la carrellata di selfie sexy che conservi nel telefono. La foto del tuo profilo deve essere professionale, mezzo busto e sorridente. Devi trasmettere serietà e affidabilità. Ti bastano un cavalletto, una bella camicia, trucco leggero e capelli in ordine, e sei pronta per lo scatto perfetto.

2. DESCRIVITI IN 120 CARATTERI

Il sommario è quel piccolo paragrafo che si trova sotto i tuoi dati e la tua foto nel tuo profilo. In questo spazio devi descrivere la tua personalità e in breve quali sono stati i tuoi successi formativi e professionali. Cerca di essere originale, e azzarda un approccio emozionale. Alternalo sempre con dati effettivi sulla tua carriera e termina con quello che cerchi attualmente. Ricordati di non descrivere il tuo lavoro, ma piuttosto quello che hai raggiunto, sia che si tratti di conoscenze sia di skill specifiche.

3. non fare copia/incolla del tuo curriculum

Personalizza tutte le aree del tuo profilo. Tu sei unica! Non fermarti quindi ad un mero elenco di quello che hai fatto fin’ora, corredato da date. Spingiti oltre. Se sai fare qualcosa dimostralo e carica media e portfolio sul tuo profilo. Fai vedere cosa sai fare e perché sei diversa. Non autoincensarti, ed elenca con precisione le branche del tuo campo in cui eccelli e perché. Cita software che sai usare, linka siti a cui hai lavorato, inserisci certificazioni e corsi a cui hai partecipato. Ricorda però di non strafare e di attenerti al campo in cui cerchi lavoro.

4. SCEGLI UN SOMMARIO CHIARO E CONCISO

Il sommario si trova sotto il tuo nome e serve per identificarti in una posizione lavorativa che attualmente ricopri. Sii precisa e non utilizzare parole troppo fantasiose come guru, visionaria, pioniera. Scrivi semplicemente quello che fai in poche parole. Se sei attualmente disoccupata puoi indicare il lavoro che cerchi ed eventualmente il diploma o la laurea di cui sei in possesso.

5. sfrutta le parole chiave

Prima di compilare il tuo profilo, effettua una ricerca nei profili che ricoprono il ruolo che cerchi e individua quali sono le parole che trovi più spesso, quelle che identificano conoscenze e skill. Cerca di prendere spunto dai profili di persone che lavorano nel campo in cui desideri entrare e adotta il loro linguaggio. Esegui la stessa ricerca anche nel profilo aziendale di business che operano in quel settore specifico.

6. socializza

LinkedIn è, prima di tutto, un social network. E’ quindi importante far sentire la propria voce negli argomenti professionali di tuo interesse. E’ anche importantissimo interagire con i post di persone che segui, o di personalità del tuo campo da cui vuoi farti notare. Se partecipi alle discussioni con regolarità, il tuo nome resterà impresso e quando cercherai di essere scelta attraverso il tuo profilo, tutti si ricorderanno di te. Commenta in modo brillante ed originale, e prima di farlo documentati. Non intavolare discussioni senza fine, ma limitati ad aggiungere un tuo commento con educazione e discrezione. Anche fare domande è un ottimo metodo per farsi notare, ma accertati che qualcuno non abbia già posto lo stesso quesito prima di te e cerca di dare alla tua domanda carattere e originalità.

7. socializza si’, ma con attenzione

Anche LinkedIn è purtroppo ricco di persone che non intendono utilizzarlo per il suo scopo primario, ossia creare una rete professionale. Moltissimi ti chiederanno di entrare in contatto con te, e ti sembrerà affascinante in prima battuta. Ma stai attenta a non “inquinare” il tuo profilo accettando la richiesta di chiunque. Analizza attentamente questo aspetto e filtra le richieste in base a quello che sono i tuoi scopi professionali. In linea di massima accetta persone che desideri entrino in contatto con il tuo profilo professionale (quindi non per forza tutti i tuoi amici e conoscenti) e richiedi il contatto a persone che possono influenzare positivamente la tua carriera. Ricordati di inserire sempre un messaggio di presentazione, soprattutto se il contatto non ti conosce.

8. PUBBLICA CONTENUTI AD HOC

Il tuo profilo LinkedIn può facilmente stagnare se non è nutrito da ricchi contributi da parte tua. Una bella mossa per farsi conoscere nel campo in cui desideri inserirti o in cui lavori già, è quello di postare contenuti. LinkedIn è come un blog, dove inserire contenuti utili al tuo avanzamento di carriera. Possono essere articoli che trattano di un recente successo della tua azienda, in cui tu ovviamente hai avuto un ruolo, oppure articoli su argomenti generici, ma che riguardano una tua particolare skill. L’importante è che siano coerenti con il tuo lavoro o con quello dei tuoi sogni. Se pubblichi con regolarità potresti essere adocchiata dalla persona giusta, che andrà a visionare con attenzione il tuo profilo e resterà, si spera, impressionata dalle tue skill.

9. sfrutta le referenze

LinkedIn ti permette di scegliere specifiche skill che i tuoi contatti possono confermare. Cerca di avere una decina di competenze con un alto grado di conferma da parte dei tuoi contatti. Tu sei sicuramente bravissima, ma se lo conferma un’altra persona, ha tutto un altro valore. E ricorda di fare lo stesso con gli altri!

10. DIVENTA INTERNAZIONALE

Se il ruolo a cui ambisci te ne dà la possibilità, ricordati di tradurre il tuo profilo anche in un’altra lingua, preferibilmente l’Inglese. Non si tratta di una mera traduzione, ma di confezionare il tuo profilo per un mercato differente da quello italiano. All’estero, sono altri i parametri che più spiccano in un CV, studia quindi i profili di persone che lavorano nel Paese che ti interessa e stila le tue competenze di conseguenza. Non dimenticare di riadattare anche il tuo sommario e la descrizione secondo i nuovi canoni.

Se hai domande sul tuo profilo LinkedIn o in generale sull’argomento di questo post, contattami su Facebook o Twitter.

2 pensieri su “Un profilo LinkedIn che spacca. 10 consigli base

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.