La noia e l’incertezza sul futuro stanno avendo la meglio su tutti noi. E cosa facciamo quando siamo abbattute, tristi, senza speranza? Ci abbuffiamo? No, non sempre.

Più spesso spendiamo.

E in questo momento storico la visione di almeno una vetrina on line è diventato un appuntamento fisso, la nostra pausa caffè, il rito propiziatorio prima di spegnere la luce.

Oltre alla soddisfazione che fare shopping ci dà regolarmente, è quanto mai importante dare la precedenza ai servizi di delivery dove possibile. Quali brave cittadine responsabili infatti, restiamo in casa se non per necessità di vitale importanza e improrogabili bisogni, e lo shopping non è uno di questi. Bisogna però fare delle distinzioni. Cercare di fare la spesa in line e farsela portare a domicilio è ormai difficilissimo, a meno che non ci si affidi a servizi di delivery locali (il fruttivendolo di quartiere, il macellaio) che però accettano ordini solo per telefono e che riguardano esclusivamente beni di primissima necessità come pane, latte etc. Quindi siccome mangiare e curarsi sono fattori indispensabili, lo shopping per cibo e medicinali è concesso secondo i propri bisogni e le regolamentazioni del governo. Amazon stesso, nel blog ufficiale dell’azienda, spiega che dal 17 marzo evaderà gli ordini in modo da dare priorità ai beni di prima necessità.

Quello cui bisogna fare moltissima attenzione in questo periodo è lo shopping superfluo. Quello che anche prima cercavamo di limitare, ma che rischia di intaccare le nostre tasche molto più tragicamente, anche alla luce di un futuro economico incerto, se non altro a breve periodo. Purtroppo è un dato di fatto: non sappiamo come l’economia risponderà a questa pandemia. Possiamo fare delle previsioni, ma nessuno verrà di porta in porta a rassicurarci che finito tutto questo avremo ancora il nostro lavoro, potremo continuare a pagarci la palestra e pensare alle vacanze. Ma niente drammi. Una buona opzione in questa situazione è vivere giorno per giorno, con oculatezza e senza cadere nel tranello delle peggiori previsioni. Il catastrofismo è diffuso ovunque oggi, basta cambiare canale e pensare con la propria testa. Ovviamente sempre con un attento occhio di riguardo alle nostre finanze attuali. Ma per essere ancora più pratici, vediamo insieme quali sono le situazioni in cui tutte noi stiamo incappando in queste settimane, ed impariamo ad analizzarci prima di premere su acquista:

MI SERVE DAVVERO?

Lo so che ti sembra di morire senza quel paio di stivaletti, quella camicetta, quel cappotto, ma siamo onesti. Non sappiamo quando potremo indossare i capi che acquistiamo e che rischiano di restare nell’armadio per lungo tempo. Inoltre non siamo in grado di stabilire che temperatura ci sarà fuori, quando saremo di nuovo liberi di andare al ristorante, a lavoro regolarmente, agli aperitivi con gli amici. Non ha senso acquistare nuovi capi di vestiario a meno che non sia biancheria intima o per la casa. Quindi, no, non ti serve un nuovo abito da cocktail. E’ molto semplice.

FAI UNA LISTA

Ti serve una crema idratante o la tinta per capelli? (perché anche a casa ci si deve prendere cura di se stesse, perché no) Nessun panico. Prepara una lista di tutto quello che ti serve, prodotti che usi di solito, di cui conosci il prezzo medio e di cui proprio non puoi fare a meno (vedi punto sopra). Tralascia l’olio del Marocco alla rosa mosqueta premuto a freddo da suore cieche del monastero sulla montagna per ora. Puoi farne a meno (vedi ancora una volta sopra), ma non rinunciare a quello che ti fa stare bene. La tua beauty routine può restare invariata, purché tu ti attenga alla tua lista. Se acquisti sul sito della tua profumeria/erboristeria di fiducia, cerca di non farti distrarre dalle offerte prova, dai kit, dalle trovate risparmio o dai nuovi prodotti. Attieniti alla tua lista e al budget che ti eri prefissata. Non è il momento adatto a provare nuovi prodotti, i lussi vanno ridotti al minimo.

CHECK UP COMPLETO

Accedi al sito della tua banca almeno una volta ogni due giorni per controllare il tuo conto in banca e il saldo della carta di credito. A volte la terapia d’urto è la strada più efficace e vedere che effettivamente stai spendendo più di quanto tu possa permetterti ti regalerà qualche notte in bianco in più, ma la consapevolezza di dover limitare gli acquisti allo stretto indispensabile.

LIBERA SPAZIO

Sarà un consiglio impopolare, ma cancellare le app di acquisti on line, come quelle di vestiario e accessori e quelle di costosi videogiochi o decorazioni per la casa, può aiutare. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore, recitava il vecchio detto e ti assicuro che è così. Io non mi sto abbuffando di schifezze semplicemente perché non le compro, ossia non le ho sotto gli occhi in ogni momento della mia giornata. Prova a fare lo stesso con le app. Non avendole più nelle scorciatoie del tuo smartphone avrai una tentazione in meno di visitare le loro vetrine.

DATTI TEMPO

Come diceva la mia maestra alle elementari, quando scrivi un tema posalo e riprendilo il mano il giorno dopo per rileggilo. Vedrai tutto con occhi nuovi. Questa tattica di prendere tempo, funziona più o meno con tutto nella vita: quando litighi con il tuo fidanzato, quando devi inviare una mail di lavoro, quando devi discutere di una cosa importante e ti prepari un discorso. Fai una bozza, termini. E poi lasci decantare il tutto e ci torni a mente fresca. La stessa cosa vale con lo shopping on line. Se proprio non hai resistito a non riempire il carrello, non acquistare subito, ma lascialo in attesa qualche ora o meglio, fino al giorno dopo. Dopodiché tornaci e valuta attentamente se davvero hai necessità di acquistare tutto quello che vi hai inserito. E non farti imbambolare dalle email di reminder minatorie dove ti intimano di completare il tuo acquisto subito, pena l’eliminazione dalla faccia della terra di tutte le scorte di quello che ami di più. Ci sarà ancora tutto quello che ti serve, al momento giusto.

SPENDERE DI PIU’, DOPO

Non mi stanco di ripeterlo, non sappiamo come andrà. Restiamo positivi, ma anche realisti. E’ meglio risparmiare ora per investire con più tranquillità una volta che tutto questo sarà finito. Programmeremo viaggi, giornate intere dall’estetista, proveremo quel profumo che ci incuriosisce e arricchiremo la nostra collezione di un nuovo paio di scarpe. Per ora resistiamo.

Nel tragitto tra letto e divano che fai ogni giorno, c’è spazio per coccolarti e volerti bene. Solo che invece dello shopping questa volta accudirai la tua mente con un buon libro, con la visione di un webinar interessante su Youtube, con una carezza al tuo cane, o con 15 minuti guardando fuori dalla tua finestra. E tutto a costo zero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.